Edouard Bechoux Challenging you | Consultant ciocolatier
20236
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20236,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
i segreti del cioccolatiere

I suggerimenti di Edouard

Ho sempre avuto la passione per il cioccolato, una materia prima che ha consentito alla mia creatività di trovare espressione. Il cioccolato ha un fascino alchemico, riporta a un mondo magico fatto di contrasti. Ebbene il cioccolato è l’unico elemento con una doppia natura, calda e fredda, e con una doppia funzione, si mangia ma si può anche bere. E allora perché non tradurre questa passione nella mia professione, nella chiave per conquistare il successo? La passione, la creatività deve essere guidata da un principio: saper creare il bisogno, l’impulso d’acquisto nel nostro cliente. Conta l’ingegno, conta la creatività; ma se non conosci il tuo acquirente e il tuo mercato non esisti. E così diventa importante studiare il marketing, la psicologia, insomma quei meccanismi che spingono un cliente a desiderare un prodotto che, nel caso della pasticceria, potrebbe essere considerato superfluo.

UNICITÀ

Creare qualcosa che ci caratterizzi e concentrarsi a farlo bene, con costanza.

QUALITÀ

Selezionare ingredienti di qualità per creare prodotti di alta gamma.

TRAINING

L’essere leader non risparmia nessuno nel doversi aggiornare attraverso la formazione.

CORAGGIO

Avere il coraggio e non il timore di affrontare nuove esperienze. Bisogna investire!

CREARE IL BISOGNO

Bisogna far emergere nel nostro cliente il bambino positivo, lavorando sulle emozioni.

ORGANIZZARE IL PUNTO VENDITA

Affidarsi ad esperti. Creare un percorso studiato con esposizione di prodotti.

AIDA

Creare Attenzione, far nascere l’Intenzione di acquistare, suscitare il Desiderio, spingere all’Acquisto.

LEGGE DI PARETO

Il 20% della produzione è quella che fa il nostro business, non perdere tempo in prodotti venduti poco.

Lorem ipsum

Competenze

“Glocalizzazione” significa rispetto del territorio, delle tradizioni, dei gusti, dei desideri e delle persone nel momento in cui si affronta il mercato globale, nonché rispetto di esigenze locali da parte del prodotto globale. È un modello di successo per il cioccolato, che mira alla fidelizzazione del cliente e che considera il prodotto in senso lato.

  • Consulenze
    • creazione collezione
    • identificazione target
    • accompagnamento nella realizzazione della collezione

  • Formazione
    • formazione base
    • formazione avanzata
    • formazione mirata al management del capoproduzione
    • formazione per la gestione della squadra

  • PUNTO VENDITA
    • formazione per la vendita
    • posizionamento in base alla stagione
    • tecnica (luci, organizzazione del locale…)
    • case history

  • MARKETING
    • coordinato d’immagine
    • packaging
    • vetrina sul web
    • e-commerce
    • social e newsletter

Cioccolato Locale

Cioccolato globale

Ho conosciuto tanti cioccolatieri, un po’ per passione, un po’ per professione
e ho trovato molti di loro gelosi delle ricette e custodi delle proprie
tecniche. Quasi convinti di aver afferrato l’aura mistica e la componente
alchemica del cioccolato. Pensandoci bene ne ho conosciuti pochi che
avessero compreso veramente il senso del mercato, del valore e dello
scambio col cliente. Uno di questi è Edouard Bechoux: esperto, intellettuale,
eclettico e divulgatore del cioccolato.

Lorenzo Sciadini

Materie prime0%
Il locale0%
Il rapporto con i clienti0%
la qualità del prodotto finito0%

Dal 1998 a oggi, la crescita di Edouard nel mondo del cioccolato lo ha visto vincere prestigiosi premi e organizzare buffet di dolci per aziende e personaggi importanti.

Edouard Bechoux

Edouard Bechoux per me ha sempre rappresentato ciò che deve essere il pasticciere moderno: ovvero un professionista appassionato, creativo, colto, grande conoscitore delle materie prime, capace di anticipare i desideri del suo cliente. Insomma un uomo coraggioso che, senza essere avventato, sa cogliere i segnali che provengono dal mercato per disegnare il proprio successo.

Edouard non accetta di essere chiamato maestro perché sa che è un titolo abusato, ormai privato di qualsiasi significato e per questo motivo preferisce essere considerato un imprenditore dell’arte dolce.

Monica Viani

edouard bechoux consulente cioccolatiere belgio italia
I partner

Edouard ha lavorato con